Acadmia Ligstica do Brnno

parlmmo a nstra lngoa

Acadmia Ligstica do Brnno
 
Intr > Grafa ofii > Eznpi

Eznpi

[ Grafa ofii ]

Eznpi de tsti scrti inta grafa ofii

 

Sta sein a l' dedic a mostr qurche tsto scrto inta grafa ofii, cosc pe avi 'n'ida de che fccia o l'.

[ Dnni a teu ] [ Lzi i comnti ]

Grafa ofii

Mppa do scto

Dv'n i comnti

Covertnn-a

 

Ntta. Inti tsti, qunde gh' 'na parlla scrta in bleu, se se ghe va adsso dppo in stisinn se peu lze a traduin in italin: fnni a pruva.

tri eznpi puan se atrov inta sein Mediatca/Tsti.

 

[ in imma da pgina ]

Dnni a teu

Nomigio:
Stggo a:
E-Mail:
O m scto
Internet:
Comnto (no ci de 1000 carteri)

   

Ntta: o comnto o sai publicu, o ci fto poscbile, dppo ch'o l' stto controlu.

[ in imma da pgina ]

n dto a seu
18/04/2012 - 02:20
ALB, Zna
Nitri, chi a l'Acadmia, no mmo mi sento a parlla "mussigua".
17/04/2012 - 19:35
Silvana, Sudamrica - Per
Buongiorno, non sono ligure neanche italiana...mia nonna era italiana,ligure...la mia domanda gentilmente...vorrei sapere in modo molto splicito la parola MUSSIGUA e la sua connotzione....
vi ringrazio ancora, a presto.
15/03/2012 - 07:54
ALB, Zna
A domand a no l' do ttto cia, ma provmmo a rispnde.
Italin singolre: la parola A si dice X
Italin plurle: le parole A, B si dicono X, Y
Zenize singolre: a parlla A a se dxe X
Zenize plurle: e parlle A, B se dxan X, Y
Co-a spernsa d'se stti d'agitto.
22/03/2012 - 14:17
pep, Barcelona (Catalunya)
http://mintzatzen.blogspot.com/
Grazie, il sito ancora piu bello adesso.
Ancora una domanda sui clitici e tolgo il disturbo: la frase "A parlla "camerino" a se dxe "camern""
come verrebe resa in plurale?
Il mio dubbio in fondo quello di sapere se "a" sarebbe soggetto oppure oggetto diretto. In delle frasi simili per altre lingue romanze sono certo che sia oggetto diretto: fr. "on la dit/on les dit" anche se per litaliano non saprei: "la si dice/le si dice"(oppure "si dicono"?)
15/03/2012 - 07:54
ALB, Zna
Apruo a qunte sci n' sugero, mmo inandiu 'na pgina apsta dve mmo msso l'elnco de ttti i comnti e che agiornimo manamn ch'arivin i nuvi.
12/03/2012 - 00:49
pep, Barcelona (Catalunya)
http://mintzatzen.blogspot.com/
Grazie,
e adesso una domanda sul funzionamento do scto: c modo di vedere le ultime domande poste? intendo dire se i lettori possiamo, una volta abbiamo letto tutte le domande (e le risposte) fatte a giorno doggi, leggere le nuove domande senza dover entrare in tutti gli argomenti e cercarle una per una? "domande piu recenti" o qualcosa del genere..
06/03/2012 - 00:21
ALB, Zna
In zenize de Zna cntro se dxe: "no l'exste o gnere notro". Pe savi se a particlla "o" a ghe va pre no basta mtte o sogtto a-o plurle; e dto che se dxe: no l'exste tri gneri", t-u li che l' cio che a particlla a no ghe va.
Co-o pronmme "chi" a particlla gh' chi- mtte e chi no. Nitri, cmme rgola, prefermmo no mtila.
05/03/2012 - 00:16
pep, Barcelona (Catalunya)
http://mintzatzen.blogspot.com/
"arva o figeu" si scrive senza il pronome ma ho visto delle frasi nelle quali il soggetto segue il verbo, ma ci sono i pronomi:
"O no l'existe (..) o genere neutro" (http://ilfaroligure.altervista.org/capitoloquattro.html).

E invece di "chi stto?" oppure "chi l' stto?" ho visto "chi o l staeto?"(http://www.francobampi.it/zeneise/lengua/proposte/gismondi.htm#cima)

sono corrette queste due frasi in zeneise di Zena?

Grazie!
26/02/2012 - 12:13
ALB, Zna
A seu interpretain a l' interesnte, ma, de slito, qunde gh' a "lle eofnica" gh' o pronmme asc: ez. "l o l'arva"; e qunde gh' o pronmme "chi" a "lle" a peu sighe pre no: ez. "chi stto?" pre "chi l' stto?". Pe fin ghe fmmo not che se dxe: "arva o figeu" pre "o figeu o l'arva", ma no se dxe "l'arva o figeu"; csa ch'a p conferm o rllo eofnico da "elle".
25/02/2012 - 14:13
pep, Barcelona (Catalunya)
Buon giorno,

Non sono ligure (neanche italiano) ma mi piace il zeneise e tento di migliorarlo cin ciann. Siccome la sezione gramatica ancora vuota (lo so che stabilire la grafia era il piu importante) faccio la mia domanda qui:

Ho letto -non ricordo dove- che i veri pronomi soggetto della lingua zeneise sono "u" e "a" e i loro plurali, e che il pronome "l" ha invece soltanto una funzione eufonica e per questo lo si usa davanti a vocale; p.e. "l'arriva o figeu". Ma a leggere qualche testo antico come questo: "per ch 'l era monto noyte scura"(http://digilander.libero.it/alguas/anonimixiv.html ) ho limpressione contraria, e cio che questa "l" di origine impersonale assomigli al "il" francese o "egli" del italiano antico e che sia propio per ragioni fonetiche che sia scomparso davanti a consonante.

Non so se mi sbaglio: la questione dei clitici molto interessante ma anche difficile.

Grazie ;-)
08/12/2011 - 06:56
ALB, Zna
A nitri no ne convnse a traduin "bn" de l'italin "buono". Pe qusto discimo cosc: "Pap pe reti 'n capun e 'n tcco de fugssa".
A seu traduin, qundi, a mrita in p de ci de 'n 4--!
07/12/2011 - 12:37
Eugenio SILVANO, GENOVA
Vorrei scrivere su un biglietto:
"buono per ritirare un cappuccino e un pezzo di focaccia".

Io scriverei:
bun pe retia^ 'n cappussin e 'n tocco de fugassa^

ma temo che prenderei un bel 4--
15/09/2010 - 10:50
ALB, Zna
Nitri smmo sto mddo de d chi: mand un da Lcoi dve ne dn do pe 'n p.
14/09/2010 - 11:55
ENRICO CHIARELLA, ZENA
come si dice:
and in luccoi

giusto scritto cos?

Grazie se mi risponderete.

Molte cordialit.

nrico Chiarella

[ in imma da pgina ]