Acadmia Ligstica do Brnno

parlmmo a nstra lngoa

Acadmia Ligstica do Brnno
 
Intr > Grafa ofii > Cxi particolri > timi

timi

[ Cxi particolri ]

Pe savi cmme mi rte parlle se scrvan cosc

 

[ Co ] [ Conta ] [ uvi ] [ Inte ] [ Dnni a teu ]

Grafa ofii

Mppa do scto

Dv'n i comnti

Covertnn-a

 

Pe lze l'etimologa clic in sci parlla in bleu; clicghe trna pe ser a spiegain. E parlle in zenize sn scrte inta grafa ofii e no inte qulla de l'out.

Riferimnti bibliogrfichi
GPS: Giulia Petracco Sicardi, Prontuario etimologico ligure, Edizioni dell'Orso, Torino, 2002.
MCCM: Manlio Cortellazzo, Carla Marcato, Dizionario etimologico dei dialetti italiani, Utet, Torino, 1992.
EGP: Ernesto Giacomo Parodi, Saggio di etimologie genovesi, Giornale Ligustico di Archeologia, Storia e Letteratura, Anno XII - Fascicolo VII-VIII, Genova, Luglio e Agosto 1885.

Co


[ in imma da pgina ]

cova, co f. 'desiderio, voglia': dal lat. cupidus 'voglioso' deriva un aggettivo covedoso attestato in it. antico e nei dialetti settentrionali; la voce ligure una retroformazione dall'aggettivo, che ancora segnalato a Sanremo (covezo) e ad Arenzano (coezo). GPS

co sf. (ligure; piemontese meridionale: quja). 'Voglia, desiderio'. ● Dal latino *cupidia, da cupidu 'bramoso, desideroso'. MCCM

Conta


[ in imma da pgina ]

cita, conta f. 'fretta, premura': dal lat. cogitare 'pensare'; sost. deverbale, con epentesi di n come in milanese cnt, 'riflessione, dubbio'. Derivato verbale coint intr. 'stare per fare qualcosa'. GPS

cita sf. (ligure), 'fretta'; (piemontese) 'prurito, desiderio'. ● Francese e provenzale cote (e varianti) 'fretta', dal verbo coitier 'far fretta, costringere a fare qualcosa', di origine latina: *coctare per coactare 'forzare'. MCCM

uvi


[ in imma da pgina ]

ubra sf. (ligure: Novi Ligure; nella regione ligure: girno d'uvi o de vi; piemontese: d d'uv). 'Giorno feriale'. ● Dal latino *operile 'di lavoro'. MCCM

uvi (che Parodi scrive vei e che cos faremo anche qui, ma dal prossimo comma in poi dove si manterr la grafia originale, ndr) si usa esclusivamente nelle frasi girno d'uvi, ancheu l' d'uvi, giorno non festivo ecc.
Il radicale v- ricorda subito il disusato vera, opera, che si ha tuttora ne' composti d-vi, de-operare, dez-vio, sciupio, i quali tutti serbano intatto, sebbene fuori d'accento, l' che normale riflesso dell'o breve latino accentato. Quanto ad ve pi specialmente, esso deve provenire da un aggettivo operilis, che diede prima verir, poi ver, v, ve: e questa congettura dimostrata esatta dalla forma Sassellina che proprio ver, conservandosi in quel dialetto r, che nel Genovese cade. Cos abbiamo un dies operilis, bello e conveniente, ma che darebbe alla lettera giurnu v. Senonch il popolo dicendo giurnu de festa e non ricordando pi l'origine aggettivale della nostra voce, anche ad essa prepose il de, come se fosse un sostantivo, donde giurnu d'vei, che in qualche luogo suona anche, coll'aferesi, giurnu de ve. EGP

Inte


[ in imma da pgina ]

inte prep. 'dentro': dal lat. intus, che continua nell'area italiana settentrionale e centrale, sempre davanti all'articolo determinativo. GPS

Si veda anche questo riferimento.

[ in imma da pgina ]

Dnni a teu

Nomigio:
Stggo a:
E-Mail:
O m scto
Internet:
Comnto (no ci de 1000 carteri)

   

Ntta: o comnto o sai publicu, o ci fto poscbile, dppo ch'o l' stto controlu.

[ in imma da pgina ]