torna alla pagina principale
zeneize   english   franais   italiano
La grafia in U

Una grafia per il “genovese di Genova”
compatibile con la grafia ufficiale
del Vocabolario delle Parlate Liguri


  • La trascrizione fonetica delle parole riportata tra barre oblique (//) nell'alfabeto IPA
  • Clicca sulle parole blu per ascoltare la pronuncia del grande Marzari

  • La grafia in U usa per difetto la stessa chiave ortografica della grafia italiana.

    Ecco qui sotto una lista delle principali differenze tra grafia in U e grafia italiana:

    L'alfabeto formato da 27 lettere:
    A B C D E F G H I J L M N O P Q R S T U V X Y Z


    Gli accenti

    L'accento circonflesso ( ^ ) indica che la vocale lunga
    Gli accenti acuto ( ) e grave ( ` ) indicano che la vocale tonica e breve

    nota bene:
  • nella lingua genovese una vocale lunga si pronuncia "strascinata", come se fosse scritta doppia, es.:
    "bgi" = baa-giaa (sbadigliare); "gixa" = gioo-xiia (persiana)
  • nella lingua genovese una vocale lunga sempre tonica; all'interno di una parola possono esserci pi di una sillaba tonica ( isotonia )
    es.: pten (pettinare), gdimntu (godimento), ˆvi (adoperare), prˆˆ (prataiuolo).
  • nella grafia in U quando l'etimologia lo consente (es. caduta di consonante intervocalica) possibile raddoppiare una vocale per indicarne la lunghezza invece di utilizzare l'accento circonflesso:
    es.: mangiaa (mangiata), guaagn (guadagnare), sciaatu (clamore), mi soo (io sar), meelu (fragola), duu (dolore)



    Vocali e semivocali

    :si pronuncia sempre come una E aperta /ɛ/
  • si pronuncia breve solo davanti a NN- o N finale:
    "mnn-a" /'mɛŋŋa/ (marina), "Madnn-a" /ma'dɛŋŋa/ (Maddalena), "scn" /'skɛŋ/
  • si pronuncia lunga in tutti gli altri casi:
    "gua" /'ɛ:gwa/ (acqua), "tra" /'tɛ:ra/ (terra), "tr" /'trɛ:/ (tre, femm.)

  • ha le propriet grafiche di una A, ovvero, davanti alla le lettere C e G e il digramma SC prendono la I per indicare i suoni /ʧ/, /ʤ/ e /ʃ/:
    "ciu" /'ʧɛ:u/ (chiaro), "citu" /'ʧɛ:tu/ (pettegolezzo)
  • In caso di problemi tipografici pu essere sostituita dal digramma "AE"

    E : bivalente.
    si pronuncia chiusa /e/ :

  • senza accento: "ben" /'beŋ/ (bene), "gente" /'ʤeŋte/ (gente), "schenn-a" (schiena), /'skeŋŋa/, "testu" /'testu/ (teglia), "lettu" /'lettu/ (letto, sost.), "lavellu" /la'vellu/ (lavandino), "testa" /'testa/ (testa), "parpelle" /par'pelle/ (palpebre), "patca" /pa'te:ka/ (anguria), "meistra" /'mejstra/ (maestra).
  • coll'accento acuto : "nsciu" /'neʃʃu/ (scemo), "lgnu" /'leɲɲu/ (legno)
  • coll'accento circonflesso : "ptene" /'pe:tene/ (pettine), "uge" /we:ʤe/ (orecchie), "inder" /iŋde're:/ (indietro), "spgettu" /spe:ettu/ (specchietto) [mentre "spegetti" /speetti/ (occhiali) si pronuncia con la "e" breve !], "blin" /be:'liŋ/ [diminutivo di "blu" /'be:lu/ (budello), da non confondere con "belin" /be'liŋ/, con la "e" breve, diminutivo di "bllu" (bello) !]

    si pronuncia aperta e breve /ɛ/:

  • quando tonica ed seguita da R + altra consonante:
    "erbu" /'ɛrbu/ (albero), "guersa" /'gwɛrsa/ (guercia), "scixerbua" /ʃi'ʒɛrbwa/ (sgualdrina), "ercu" /'ɛrku/ (arco), "ertu" /'ɛrtu/ (elevato)
  • coll'accento grave : "burdllu" /bur'dɛllu/ (bordello), "sciarblla" /ʃar'bɛlla/ (ciabatta), "tstu" (testo) /'tɛstu/, "lttu" /'lɛttu/ (letto, part. pass.), "bllu" /'bɛllu/ (bello), "fsta" /'fɛsta/ (festa), "rsca" /'rɛska/ (lisca), "r" /'rɛ/ (rete, re), "stte" /'sɛtte/ ( 7 )

    I : bivalente. Attaccata ad una vocale pu essere vocalica /i/ o semivocalica /j/.

  • /i/ vocalica: con l'accento circonflesso ["gu" /'ʤi:u/ (giro), "azbru" /a'zbri:u/ (slancio), "puia" /'pwi:ja/ (paura)] o in fine di parola senza accento dopo vocale lunga ["vi" /'ve:i/ (ieri), "pi" /'pɔ:i/ (poi), "mi" /'ma:i/ (mai)]

  • /j/ semivocalica: senza accento davanti a vocale ["iula" /'sjɔwla/ (cipolla), "Priun" /'prjuŋ/ (Prione), "itu" /'sjɔ:tu/ (cerotto), "titru" /'tja:tru/ (teatro), "nitri" /'nja:tri/ (noi), "pixi" /pja:'ʒej/ (piacere)]; senza accento dopo vocale breve ["davi" /da'vej/ (davvero), "pixi" /pja:'ʒej/ (piacere), "bilu" /'bajlu/ (baule), "dattai" /'dattaj/ (datteri), "tranvi" /tran'vaj/ (tram), "trei" /'trej/ (tre, masch.)] ; senza accento tra vocali ["ia" /'a:ja/ (aria), "iu" /':ju/ (olio), "muie" /'mwi:je/ (more, bot.)]

    nota bene:
  • nei digrammi CI /ʧ/ e GI /ʤ/ e nel trigramma SCI /ʃ/, davanti a A, , E, O, , U e Y, la lettera I solo un indicatore: "ciymme" /'ʧymme/ (piume), "frisci" /fri'ʃ:/ (frittella/e)
  • come articolo determinativo plur. masch. (e femm.) la "i" si pronuncia vocalica davanti alle parole che iniziano per consonante e semivoc/cons. davanti alle parole che cominciano per vocale:
    "i figi" /'i fi'ʤ:/ (i bambini) - "i-ommi" /'j ɔmmi/ (gli uomini) - "i-ve" /'j :ve/ (le uova)

    J :
  • dopo C e G indica la semivocale /j/:
    "gjmu" /'ʤje:mu/ (giriamo), "u mangj" /'u maŋ'ʤja:/ (manger), "ti cacj" /'ti ka'ʧjɛ:/ (getterai), "mi lascj" /'mi la'ʃjɔ:/ (lascer), "scjpu" / 'ʃjɔ:pu/ (sciroppo)
  • tra due vocali indica la semivocale intensa /jj/:
    "maju" /'majju/ (marito), "macaja" /ma'kajja/ (maccheria), "staja" /ɔ:'stajja/ (osteria)

    O : a differenza dell'italiano non bivalente, indica sempre lo stesso suono di /'ɔ/, "o" aperta:
    "cse" /kɔ:se/ (che cosa), "berdu" /be'rɔ:du/ (sanguinaccio), "ua" /'ɔwwa/ (adesso)

    (o ): indica il suono /'/ di "o turbata" o "procheila" ("eu" francese, "" tedesca, "" scandinava):
    "aprvu" /a'pr:vu/ (appresso), "rai" /ra'j:/ (ravioli), "sxua" /'s:ʒwa/ (suocera), "prescinsa" /preʃiŋ's:a/ (quagliata), "iu" /':ju/ (olio), "ciavja" /ʧa'vjja/ (serratura)
  • ha le propriet grafiche di una O, ovvero, davanti alla le lettere C e G e il digramma SC prendono la I per indicare i suoni /ʧ/, /ʤ/ e /ʃ/:
    "Gimu" /'ʤ:mu/ (Gerolamo), "sccippan" /'ʃʧppaŋ/ (scoppiano), "c" /'k:/ (cuore)
  • in caso di problemi tipografici si pu anche usare il digramma "OE".

    U : bivalente. Attaccata ad un'altra vocale pu essere vocalica /u/ oppure semivocalica /w/

  • /u/ vocalica: con accento circonflesso ["scu" /'sku:u/ (fradicio), "li" /'lu:i/ (lupi), "dema" /de'mu:a/ (divertimento), "ala" /a'lu:a/ (allora)] o senza accento dopo vocale lunga ["cu" /'kɔ:u/ (cavolo), "u" /'ɔ:u/ (oro), "ciu" /'ʧɛ:u/ (chiaro), "cu" /'ka:u/ (caro), "vu" /'v:u/ (vuoto)]

  • /w/ semivocalica: senza accento dopo "o" breve ["pasu" /pa'sɔw/ (passato), "muxu" /'mɔwʒu/ (onda), "mouta" /mɔw'ti:a/ (malattia), "iula" /'sjɔwla/ (cipolla)] o senza accento davanti a vocale ["lusu" /'lwa:su/ (spigola), "quattru" /'kwattru/ (quattro), "guersa" /'gwɛrsa/ (guercia), "demuse" /de'mwa:se/ (divertirsi), "vidduu" /'viddwu/ (vedovo), "lerfuin" /ler'fwiŋ/ (ceffoni), "spasuia" /spa'swi:ja/ (spazzola), "carottua" /ka'rɔttwa/ (carota), "uxin" /we:'ʒiŋ/ (orlo), "du" /'dwi:/ (due, masch. o dolori)]

    Y (o ) : indica il suono di /y/, "u turbata" o "procheila" ("u" francese, " - y" tedesca, "y" scandinava)
    "bulezymme" /bule'zymme/ (schiuma del mare), "cianŷa" /ʧa'ny:a/ (pianura), "fygassa" /fy'gassa/ (focaccia), "scurlssua" /skur'lysswa/ (sgualdrina)
  • pu essere anche semivocalica: "custipasyin" /kustipa'sɥiŋ/ (costipazioni)
  • ha le propriet grafiche di una U, ovvero, davanti alla Y le lettere C e G e il digramma SC prendono la I per indicare i suoni /ʧ/, /ʤ/ e /ʃ/: "sciŷti" /'ʃy:ti/ (asciutti), "gysti" /'gysti/ (gusti)



    Consonanti

    : si pronuncia sempre come una S.

    N : bivalente
  • si pronuncia /ŋ/ alveolare davanti a consonante o in fine di parola:
    "runsun" /ruŋ'suŋ/ (spintone), "stranbeln" /straŋbɛ:'luŋ/ (barcollamento)
  • si pronuncia /n/ dentale davanti a vocale o in principio di parola:
    "ntte" /'ntte/ (notte), "prexun" /preʒu'ne:/ (prigioniero)

    nota bene: nell'articolo indet. masch. sing. "yn / 'n" e nella prep. sempl. "in" la N si pronuncia:
    dentale se la parola dopo inizia per vocale: "u l'a 'n ommu" /u 'l e:a n ɔmmu/ (era un uomo)
    alveolare se la parola dopo inizia per consonante: "u l'a 'n figi" /u 'l e:a ŋ fi'ʤ:/ (era un bambino)

    NN- (o N-) : indica il suono di /ŋ/ alveolare intervocalica :
    "rebelunn-a" /rebe'luŋŋa/ (baldracca), "cichetunn-a" /ʧike'tuŋŋa/ (ubriacona), "ynn-a" /'yŋŋa/ (una, pron.), "galinn-a" /ga'liŋŋa/ (gallina)

    S : si pronuncia sempre e solo come una esse sorda:
    "psu" /'pɔ:su/ (stantio), "cse" /'kɔ:se/ (che cosa), "csetta" /ka:'setta/ (calza), "casetta" /ka'setta/ (mestolino), "casule" /ka:'sɔwle/ (casseruole), "spendsu" /speŋ'dɛ:su/ (spendereccio), "che l u pise" /ke 'le: u 'pajse/ (che egli sembrasse), "psate" /pɔ:'sa:te/ (posate)

    SCC (o SC-C) : indica la successione di /ʃ/ e /ʧ/:
    "scciypu" /ʃʧy'pɔw/ (scoppiato), "sccetta" /'ʃʧetta/ (pura)

    X : indica il suono di /ʒ/ ("j" francese "x" portoghese): "adxu" /a'da:ʒu/ (adagio)

    Z : si pronuncia sempre come una esse sonora:
    "zeneize" /zenejze/ (genovese), "mezŷa" /me'zy:a/ (misura), "zen" /ze'na:/ (gennaio), "caza" /'ka:za/ (casa), "angzu" /aŋ'gɛ:zu/ (aggeggio), "pize" /'pajze/ (paese), "zbragi" /zbra'ʤa:/ (gridare)

    nota bene:
    la pronuncia della lettera "Z" la sola vera differenza tra la chiave ortografica della grafia in U e quella della grafia italiana e del V.P.L. (clicca qui)
    .


    La parola ZENEIZE veniva gi scritta con due "Z" da Gian Giacomo Cavalli nel 1635, da Stefano de Franchi nel 1772, da Martino Piaggio nel 1822, da Padre A. F. Gazzo nella sua Divina Commedia del 1909 e dal prof. Gaetano Frisoni nel suo dizionario del 1910..




    Consonanti scempie e doppie

    In genovese, cos come in italiano, una consonante doppia pi "intensa" di una consonante scempia.
    Nella lingua genovese, indipendentemente dall'etimologia delle parole
  • si raddoppiano le consonanti che seguono una vocale tonica breve:
    "mi veddu" /'mi 'veddu/ (io vedo), "bllu" /'bɛllu/ (bello)
  • si scempiano le consonanti immediatamente precedenti una vocale tonica:
    "nitri vedemmu" /'nja:tri ve'demmu/ (noi vediamo), "belessa" /be'lessa/ (bellezza)

    nota bene:
  • non possibile raddoppiare i digrammi SC e GN:
    "gnu" /'a:ɲu/ (ragno) - "scgnu" /'skaɲɲu/ (ufficio),
    "vgnu" /'ve:ɲu/ (io vengo) - "sgnu" /'seɲɲu/ (segno),
    "gsciu" /'gɔ:ʃu/ (gozzo anat.) - "psciu" /'peʃʃu/ (pesce)
  • non si raddoppiano mai la N la R e la S seguite da un'altra consonante.

    Leggi cosa scrve il V.P.L. a proposito delle consonanti doppie.
  • torna in cima